Installare ruote più grandi sul proprio veicolo: è possibile?

Installare ruote più grandi sul proprio veicolo

È possibile installare ruote più grandi sul proprio veicolo? Sì, ma è necessaria una procedura apposita per omologare le ruote: ecco in che modo procedere.

Chiunque voglia installare ruote più grandi sul proprio veicolo può farlo, a patto però che vengano rispettati alcuni requisiti e si segua una determinata procedura. È infatti indispensabile l’omologazione ruote per poter circolare con cerchi e pneumatici diversi da quelli specificati nel libretto di circolazione dell’auto che si possiede. L’attuale normativa consente l’installazione di ruote di dimensioni differenti da quelle previste – più grandi oppure più piccole – e a partire dal 2015, cioè dall’introduzione del Decreto ruote, l’intera procedura è stata snellita e resa più agevole, poiché non è più necessario il nulla osta del produttore del veicolo per il montaggio di ruote di misure diverse (che era obbligatorio invece in passato). Vediamo perciò cosa bisogna fare per installare ruote più grandi.

Ruote più grandi: cosa dice la normativa

Per poter installare ruote di dimensioni differenti da quelle previste per la propria vettura – nel nostro caso, più grandi – è necessario che queste siano omologate NAD. Devono inoltre essere compatibili con la vettura in nostro possesso e perciò è indispensabile consultare l’ambito di impiego, un documento che i costruttori di cerchi aftermarket rilasciano per ciascun prodotto e che il venditore mette a disposizione dell’automobilista. La norma impone che il numero di omologazione risulti ben visibile sul cerchio pure quando questo è installato. Sono due le omologazioni a disposizione: quella ECE è europea e include i cerchi con dimensioni uguali alle ruote originali, mentre quella NAD è italiana e comprende le ruote con misure differenti rispetto a quelle montate sulla propria vettura, quindi per installare ruote più grandi è indispensabile l’omologazione NAD.

Montare ruote più grandi: i passaggi da seguire

Vediamo adesso nel dettaglio l’iter che ogni automobilista deve seguire per poter montare ruote più grandi a bordo del veicolo. Innanzitutto bisogna individuare quali ruote omologate NAD siano compatibili con l’auto di cui si dispone, questo può essere fatto in autonomia oppure si può chiedere il supporto della propria officina di fiducia o del rivenditore online a cui ci si rivolge, se si decide di effettuare l’acquisto su internet. Sarà sufficiente fornire il libretto di circolazione della vettura per avere l’elenco specifico delle ruote con omologazione NAD che possono essere installate sul mezzo. Una volta acquistati i cerchi, il venditore rilascerà due documenti indispensabili per la successiva omologazione: l’ambito di impiego e il certificato di conformità, entrambi sono forniti dal produttore del cerchio. Dopodiché bisogna provvedere al montaggio delle ruote presso un gommista o un’officina, che dovrà rilasciare il terzo documento necessario per omologare le nuove ruote, ovvero la dichiarazione di corretta installazione.

I documenti da presentare alla motorizzazione

La dichiarazione che attesta la corretta installazione da parte del gommista certifica che il montaggio è avvenuto rispettando tutti i requisiti e le leggi, per cui le ruote presenti a bordo del veicolo sono a norma e sicure. Con questi tre documenti ci si deve recare alla Motorizzazione civile per poter ottenere l’omologazione delle nuove ruote. Ad essi vanno poi aggiunte le ricevute dei versamenti di due bollettini, uno da 25 euro e l’altro da 16. Il libretto di circolazione dev’essere obbligatoriamente aggiornato se si montano ruote di misure diverse rispetto a quelle previste. Non servono altri documenti ed eventuali richieste da parte della motorizzazione devono essere considerate illegittime, come specificato anche dal Ministero dei Trasporti. Si può incorrere in sanzioni se si circola con ruote che non sono state omologate oppure se in caso di controlli si è sprovvisti di certificato di conformità e dichiarazione di corretta installazione, che vanno allegati al libretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *