Vacanze estive in auto: occhio ai pneumatici

Vacanze estive 2020 - occhio ai pneumatici

Sono numerose le persone che sceglieranno di viaggiare in auto per le vacanze estive: per muoversi in sicurezza, i pneumatici si rivelano fondamentali.

A causa dell’emergenza Coronavirus ancora in atto, i viaggi in aereo o in treno rappresentano un rischio e per questo molte persone per le vacanze estive sceglieranno di spostarsi in auto. Per viaggiare in sicurezza, è indispensabile che la vettura sia al massimo dell’efficienza in tutte le sue componenti e un occhio di riguardo va ai pneumatici, spesso sottovalutati nonostante siano fondamentali per degli spostamenti sicuri. Vediamo pertanto i consigli degli esperti per una corretta manutenzione delle gomme auto, affinché possano offrire sempre il meglio in termini di sicurezza e performance. Iniziamo col dire che nella stagione calda due sono le tipologie di pneumatici ammessi per circolare: le gomme estive e quelle all season, assolutamente sconsigliate le invernali poiché inadatte con temperature che superano i 7 gradi.
Se non ancora avete provveduto a cambiare i vostri pneumatici su cerchigomme.it è possibile farlo in modo semplice e veloce; ti basta selezionare le misure dei pneumatici della tua auto e visualizzare in un’unica schermata, tutte le gomme per auto disponibili, dalla tariffa più economica a quella più costosa.
Inoltre la spedizione è gratuita e la consegna avviene entro 24/48 ore dall’ordine.

Come effettuare la manutenzione delle gomme

La manutenzione dei pneumatici comincia con un controllo visivo, che deve riguardare sia il battistrada – la parte a contatto con il fondo stradale – che la spalla, ovvero la zona laterale. Bisogna accertarsi che non siano presenti corpi estranei conficcati, spaccature, tagli, rigonfiamenti o bolle, che possono minare anche gravemente l’integrità della copertura. Sempre attraverso un’occhiata attenta è possibile verificare lo stato di usura del battistrada: se si notano aree più consumate di altre è il segnale che qualcosa non funziona correttamente e tale problema può avere varie origini, dalla pressione a difetti di equilibratura; in questo secondo caso, diventa obbligatorio rivolgersi ad un gommista. Ogni automobilista deve tener presente che il limite legale per lo spessore del battistrada è 1,6 millimetri: se si è sotto oppure prossimi a tale limite, è meglio provvedere al cambio gomme, soprattutto in vista di un viaggio – più o meno lungo – in auto.

La pressione di gonfiaggio

Una gomma con uno spessore del battistrada ridotto offre meno aderenza, in particolare su strada bagnata per cui i tipici acquazzoni estivi possono rappresentare un grosso problema se non si hanno a bordo coperture al top dell’efficienza. Il secondo controllo da effettuare concerne la pressione di gonfiaggio, che va verificata all’incirca ogni 3-4 settimane e naturalmente sempre prima di mettersi in macchina per affrontare un viaggio lungo. Il valore da prendere come riferimento è quello specificato dal produttore del veicolo all’interno del libretto di circolazione, se le gomme sono sgonfie bisogna provvedere a ripristinare la pressione corretta. Tale controllo va sempre svolto con pneumatici freddi, poiché in caso contrario i valori potrebbero risultare alterati. Bisogna ricordarsi di controllare la pressione di gonfiaggio anche della ruota di scorta, che si gonfia ad un valore leggermente superiore rispetto alle ruote montate (circa 0,2-0,3 bar) poiché rimane ferma nel bagagliaio.

Eventuali altri controlli

Nel caso in cui la superficie del battistrada presenti un’usura anomala ma la pressione di gonfiaggio è corretta, potrebbero esserci problemi di altra natura che vanno indagati, poiché in grado di compromettere l’efficienza dei pneumatici. Ci sono poi delle situazioni in cui il battistrada appare normale e la pressione è adeguata, ma si avvertono delle vibrazioni; la natura dell’inconveniente ha molto probabilmente origini meccaniche, in questo caso diventa indispensabile rivolgersi ad un gommista affinché verifichi l’equilibratura della ruote. Talvolta basta una buca presa in modo un po’ troppo vivace o un urto con un marciapiede per alterarla, e ciò può creare un effetto a cascata che finisce per coinvolgere i pneumatici e comporta a lungo andare una riduzione della loro efficienza. Se si notano tali problematiche a ridosso di una partenza, è meglio recarsi alla propria officina di fiducia per un controllo più accurato e competente, che possa evitare successivi disagi mentre si è in viaggio verso le proprie meritate vacanze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *